facebook pixel
Ghinolfi Tedeschi test
Ghinolfi Tedeschi test
icona video

SIFÀ a Top Secret: intervista all’AD Paolo Ghinolfi - Video

L’Amministratore Delegato di SIFÀ Paolo Ghinolfi è stato ospite della trasmissione Top Secret, il programma più approfondito di Business24 che svela i segreti del successo degli imprenditori attraverso le parole di uomini d’impresa, manager e professionisti. Durante la puntata, condotta da Corrado Tedeschi, si è ripercorsa la storia di SIFÀ, tra momenti che hanno richiesto scelte coraggiose e grandi soddisfazioni nel raggiungimento degli obiettivi.

Nel video sottostante, riportiamo l’intera intervista all’AD Paolo Ghinolfi e, a seguire, gli estratti più significativi.

Una storia tutta italiana: la nascita di SIFÀ

“Ho voluto fondare SIFÀ – racconta Ghinolfi – dopo aver lavorato per decenni in una multinazionale che operava in Italia nel settore del Noleggio a Lungo Termine. Ero determinato a creare un’azienda che portasse utile e ricchezza nel nostro Paese, a differenza di nostri competitor che portano utili all’estero. Così ho deciso di creare SIFÀ, che è acronimo di Società Italiana Flotte Aziendali”.

Il mercato dell’NLT in Italia è arrivato a maturazione solo negli ultimi anni, quando alcune multinazionali hanno cominciato a coprire questo servizio nel nostro Paese, “ma non erano in grado di calarsi completamente nel mercato italiano, di capire le peculiarità della nostra clientela. Una dinamica che si riscontra spesso quando le multinazionali aprono in Paesi che non conoscono fino in fondo”. SIFÀ è nata nel 2012 proprio con l’obiettivo di rispondere a questa esigenza del settore. Nel 2014, dopo un inizio difficoltoso per via della scarsa liquidità sul mercato, grazie ai soldi immessi sui mercati finanziari da Mario Draghi, allora Presidente della Bce, le banche si sono aperte a cercare collaborazioni. Per questa ragione, BPER Banca è entrata nell’azionariato di SIFÀ, fino a coprirne il 100% nel 2020.

“È importante investire in Italia e permettere alle aziende di crescere sul territorio. In Francia, il Governo ha chiesto espressamente che le case automobilistiche francesi riportassero le produzioni nel Paese. Anche in Italia dovremmo pretendere lo stesso da chi ha spostato le produzioni oltre confine”.

Un servizio “sartoriale”, anche nei momenti di difficoltà

SIFÀ mette a disposizione un servizio su misura, veloce e flessibile, in perfetta conformità con le richieste del Cliente, con un focus, anche, sulla salvaguardia delle risorse ambientali. Si offrono soluzioni al servizio delle aziende, dalle grandi corporate alle piccole-medie imprese, fino ad arrivare ai privati.

“I nostri commerciali utilizzano uno strumento quando incontrano per la prima volta un cliente: un foglio bianco. Vogliamo ascoltare il cliente e capire quali sono le sue esigenze. O, ancora meglio, aiutarlo a farle emergere per cercare di ottimizzare la gestione del suo parco auto. Dal foglio bianco si arriva dunque a una proposta customizzata sulle necessità di quella specifica persona: noi lo definiamo un servizio sartoriale”.

Questo approccio è risultato vincente anche nel periodo della pandemia da Covid-19 che ha innescato la crisi dei semiconduttori e la conseguente carenza di prodotto sul mercato. SIFÀ ha infatti registrato nel 2021 dei risultati eccezionali: quota 202 milioni di euro di fatturato e una flotta gestita pari a oltre 30.000 unità.

“Nel periodo di crisi abbiamo lavorato tantissimo facendo leva sulle nostra capacità di offrire servizi pensati per i Clienti. Abbiamo supportato finanziariamente chi non riusciva a sostenere i pagamenti: i nostri commerciali invece di perseguire esclusivamente gli obiettivi di vendita si sono rivolti al cliente con lo scopo di costruire soluzioni su misura e far fronte ai loro problemi. Ancora, con la pandemia, i corrieri avevano un’impellente necessità di mezzi e noi ci siamo messi all’opera per procurarglieli quanto prima”.

(Corrado Tedeschi - Conduttore Televisivo, Angela Chirico - Marketing Manager SIFÀ e Paolo Ghinolfi - Amministratore Degelato SIFÀ)

Ghinolfi Tedeschi int3

La Circular Mobility: l’economia circolare applicata alla mobilità

La Circular Mobility è un progetto strategico e un paradigma innovativo promosso da SIFÀ che rappresenta il punto più alto dell’impegno dell’azienda in termini di Corporate Social Responsibility.

“Noi l’abbiamo voluta chiamare Circular Mobility, ovvero l’economia circolare applicata alla mobilità. Un approccio che riguarda tutte le fasi della filiera automotive, dalla produzione dell’automobile alla distribuzione, fino all’utilizzo e gestione e allo smaltimento e riutilizzo, con l’obiettivo di non disperdere i materiali alla fine del ciclo di vita di un veicolo ma di reimmetterli in modo virtuoso nel circuito produttivo.  Per esempio, i componenti della vettura, gli pneumatici, devono già essere prodotti nell’ottica dello smaltimento futuro. Un capitolo a parte sono le batterie che rappresentano un grande problema ecologico, per via degli elementi che contengono all’interno. Ma noi in SIFÀ stiamo lavorando nella direzione di realizzare dei servizi pensati il più possiible nell’ottica dell’economia circolare”.

Paolo Ghinolfi - Amministratore Delegato

Paolo Ghinolfi

Amministratore Delegato

Seguimi su Linkedin

Potrebbe interessarti anche

milanocitta30 ant

Milano a 30 km/h: la proposta per ripensare la mobilità urbana

Leggi tutto

cazzaro ant
icona galleria immagini

Rally, SIFÀ fornisce una vettura al pilota Nicola Cazzaro

Leggi tutto

7mitidasfatare ant3

I 7 miti da sfatare sul Noleggio a Lungo Termine

Leggi tutto