facebook pixel
dareeavere parlangeli-danna test
dareeavere parlangeli-danna test
icona video

SIFÀ a "Dare&Avere": intervista al Direttore Centrale Roberto Parlangeli e al Consulente Alta Direzione Antonio D’Anna - Video

"Dare&Avere" – il settimanale di Telereggio che approfondisce le notizie e le tematiche relative all’economia, al lavoro e alla finanza – ha intervistato il Direttore Centrale Roberto Parlangeli e il Consulente Alta Direzione Antonio D’Anna di SIFÀ. Il focus dell’intervista doppia si è concentrato su diversi temi importanti quali: l’andamento attuale del mercato automotive, le azioni concrete di SIFÀ per arginare la crisi, in particolare, attraverso la riorganizzazione del parco auto in mancanza di prodotto e le strategie di miglioramento dei processi interni all’Azienda, senza tralasciare gli obiettivi che SIFÀ intende traguardare nel 2022.

Nel video sottostante, riportiamo l’intera intervista a Roberto Parlangeli e Antonio D’Anna e, a seguire, gli estratti più significativi.

Un anno di cambiamenti e sfide: l’andamento del mercato automotive

Oggi il mercato è completamente diverso rispetto a quello pre-pandemico: se, infatti, dal punto di vista sociale sembra che il momento più drammatico legato alla crisi pandemica sia superato, dal punto di vista specifico del mercato automotive, tuttavia, ci troviamo ad affrontare il difficile adattamento a un nuovo contesto. Probabilmente, non si raggiungerà più – si ipotizza almeno fino al 2024 – un livello di produzione paragonabile al livello pre-pandemia e neanche la catena distributiva sarà più come quella del passato. Semplicemente, il mercato deve adattarsi con resilienza a un nuovo tipo di condizione su cui modulare l’offerta e l’erogazione dei servizi.

SIFÀ ha reagito alla nuova situazione con proattività e concretezza, attivando tutte le proprie strutture a 360 gradi. Tra i Reparti più coinvolti, con nuovi progetti e soluzioni, la Direzione Operativa e l’Ufficio Remarketing.

Nuova risorsa all’interno del Team di SIFÀ: chi è Antonio D’Anna

In questo contesto d’incertezza, interviene la figura di Antonio D’Anna, il nuovo Consulente Alta Direzione di SIFÀ. Il suo ingresso è ragione dalla volontà e della lungimiranza dell’Alta Direzione che ha voluto affiancare, ad alcuni reparti dell’Azienda, una nuova risorsa con un’esperienza di diversi anni nel Noleggio a Lungo Termine e con differenti competenze all’interno del settore. Nel momento attuale, Antonio D’Anna lavora infatti a stretto contatto con i manager delle Direzioni Operativa e Remarketing nella gestione interna dei cambiamenti necessari e nella ricerca e nella valutazione di nuove opportunità di business, di gestione e di possibili collaborazioni come: nuovi strumenti di comunicazione digitali per costruire dei sistemi di dialogo multichannel con Clienti e fornitori Partner; nuove tecnologie del mondo della riparazione legate alle auto di ultima generazione; nuove opportunità del mondo automotive, dalle black box alle auto interconnesse o alla gestione della vendita delle auto su diversi canali e con modalità sempre più digitali.

Mancanza di prodotto e di componentistica: come SIFÀ sta riorganizzando la gestione del parco auto

In uno scenario così straordinario in cui la domanda è nettamente superiore rispetto all’offerta, l’assenza di prodotto e, in generale, di componentistica, si ripercuote inevitabilmente anche sui Clienti che vivono spesso i disagi legati al prolungamento dei tempi di fermo tecnico causati dalla mancanza di pezzi di ricambio.

Grazie alle relazioni instaurate negli anni, SIFÀ sta affrontando la situazione attuale con l’approvvigionamento di pezzi di ricambio anche attraverso canali alternativi rispetto a quelli “tradizionali”. Questo approccio consente di rispondere alle esigenze contingenti e tenere sotto controllo la flotta. Il momento di mercato complicato ha messo l’Azienda nelle condizioni di potenziare inoltre tutto l’ambito dell’usato e in particolare il remarketing dei veicoli usati, implementando in modo efficace tutti i canali di vendita che stanno registrando una crescita importante. Al termine del contratto, SIFÀ destina i veicoli usati a un processo di revisione e ripristino con l’obiettivo di immetterli subito sul mercato di noleggio a prezzi competitivi. In parallelo, se il veicolo non rispetta le condizioni per il rinoleggio, l’Azienda attua un’azione di rivendita ad operatori che necessitano di un veicolo in pronta disponibilità.

Sviluppo e crescita: su cosa punta SIFÀ per migliorare i processi interni

La rivoluzione in atto sta toccando tutti gli ambiti della filiera. In una situazione così “liquida”, in rapida e non prevedibile evoluzione, è importante puntare all’equilibrio di obiettivi, mezzi e risorse umane.

La Direzione Operativa ha ben chiari e condivisi gli obiettivi di evoluzione del servizio al Cliente, della gestione dei costi tecnici e della relazione stretta con la rete sul territorio, la quale opera per l’Azienda non solo nella riparazione delle auto, ma anche nel ruolo di Ambassador.

In parallelo, il valore di questa visione lo rivestono anche l’organizzazione e gli strumenti. Recentemente SIFÀ ha internalizzato un numero importante di risorse e definito una nuova organizzazione della struttura operativa per settori di competenza e, contestualmente, sta facendo evolvere gli strumenti interni di gestione per adeguarli ai cambiamenti necessari a rispondere alle mutate condizioni esterne. Infine, le persone che collaborano all’interno delle strutture devono sentirsi parte di un progetto d’insieme e dare un contributo nell’ambito della funzione che svolgono.

In SIFÀ esiste una struttura di Project Management che supporta queste evoluzioni. Un esempio concreto è la gestione del progetto di Noleggio a Lungo Termine dei quadricicli elettrici XEV Yoyo forniti ad ENI per il car sharing Enjoy, in una modalità completamente nuova che ha visto il coinvolgimento della struttura di Project Management, ma anche di risorse interne che sono state chiamate a coordinare dei sottoprocessi, intervenendo personalmente nella definizione delle modalità di gestione.

Cosa si aspetta SIFÀ dal futuro: obiettivi da raggiungere e servizi da proporre nel 2022

SIFÀ sta vivendo ormai da diversi anni una fase di crescita e sviluppo molto importanti, e i risultati del 2020 e 2021 assumono ancora più valore in considerazione del contesto pandemico che abbiamo vissuto, con l’aggravante dei danni collaterali emersi di conseguenza, ossia la crisi dei semiconduttori e la carenza di prodotto, a cui si è aggiunta l’escalation militare in Ucraina che ha reso ancor più critico il quadro. Il 2021, infatti, è stato un anno eccezionale per l’Azienda la quale è stata in grado di reagire alle sfide del mercato con flessibilità, determinazione e coraggio: un impegno che è stato ripagato con il raggiungimento di quota 202 milioni di euro di fatturato e una flotta gestita pari a circa 30.000 unità. Grazie al costante supporto del suo azionista unico il Gruppo BPER Banca, l’Azienda ha inoltre consolidato, nel corso dell’anno, il suo ruolo all’interno della classifica dei Top player del settore. Per quanto riguarda il 2022, l’obiettivo che SIFÀ si è prefissata è quello di raggiungere volumi tali da posizionarsi a un livello intermedio rispetto ai Big Player del settore: una flotta gestita di circa 38 mila unità e le previsioni di fatturato pari a circa 234 milioni di euro alla fine del 2022, con una stima di nuovi ordini pari a circa 13.500 unità. Numeri ambiziosi che la Società è intenzionata a traguardare grazie allo spirito di collaborazione, all’impegno e alla costanza che da sempre caratterizzano il proprio Team.

Un’importante novità di quest’anno è lo sviluppo del mercato dei veicoli pesanti, riservato a un target di clientela che utilizza un tipo di prodotto non comune nel settore del Noleggio a Lungo Termine, ovvero i veicoli commerciali oltre i 60 quintali. Nel corso degli anni l’Azienda ha raggiunto il 40% di quota di veicoli commerciali rispetto alla flotta complessiva, dunque il 2022 è l’anno della naturale prosecuzione dello sviluppo del business anche nei pesanti oltre i 60 quintali. Il target di SIFÀ è infatti raggiungere il 5% del circolante sui veicoli pesanti.

Per quanto riguarda altre iniziative, in relazione al momento attuale che stiamo vivendo, SIFÀ ha implementato nuovi prodotti.

L’Azienda è l’unico player a offrire una carta carburante completa, la DKV + Charge, che può essere usata sia per fare rifornimento con combustibile tradizionale sia presso le colonnine di ricarica elettrica. In aggiunta, è disponibile anche la ENI Multicard. Con entrambe queste soluzioni il Cliente usufruisce del servizio e riceve la fattura e un report riepilogativo delle spese ogni mese, potendo così monitorare puntualmente i costi.

È possibile affidare a SIFÀ il servizio di gestione Telepass delle vetture aziendali, liberando l’utente degli oneri gestionali e amministrativi legati all’utilizzo dei dispositivi e alla fatturazione delle spese di viaggio. A seguito della richiesta, SIFÀ invierà a domicilio il dispositivo richiesto e il servizio sarà subito attivo. A fine mese l’utente riceverà una fattura unica con report riepilogativo, per una gestione semplificata di spese e trasferte.

SIFÀ è inoltre la prima in Italia a proporre JUICE BOOSTER, la stazione di ricarica mobile da 22 kW più piccola e sicura sul mercato. Compatibile con tutti i veicoli elettrici con presa di ricarica di Tipo 2 (standard) e disponibile anche con connettore di Tipo 1. Grazie agli adattatori disponibili con la wallbox portatile da 22 kW, è possibile effettuare la ricarica ovunque ci sia corrente e senza nessuna preoccupazione sulla portata.

Attivo anche il nuovo servizio di Corporate Car Sharing, che permette di utilizzare un parco auto aziendale in condivisione per periodi di tempo variabili, mettendo i mezzi a disposizione dei dipendenti o dei clienti registrati, con il supporto di un’APP dedicata. Una soluzione che permette una riduzione del numero dei veicoli in circolazione e un maggiore spazio libero nei parcheggi, contribuendo a rendere il traffico più agevole, migliorando la qualità della mobilità e abbattendo le immissioni di CO2 nell’atmosfera. A livello aziendale invece, i benefici economici sono visibili grazie alla riduzione della flotta necessaria per far fronte alle esigenze dei propri dipendenti e alla possibilità di fornire il servizio a più persone estendendolo anche per uso privato.

Un’Azienda sostenibile e attenta all’ambiente: il progetto Circular Mobility

Essendo un’Azienda giovane, SIFÀ è “nativa green” e il progetto Circular Mobility rappresenta pienamente l’essenza della sua filosofia. Un marchio registrato a livello nazionale e comunitario che dimostra quanta attenzione e sensibilità l’Azienda ponga ai temi di natura ambientale e sociale.

Un’iniziativa lanciata alla fine del 2019, poco prima della crisi sanitaria ed economica legata a Covid-19, quindi a ridosso della chiusura delle fabbriche e del fermo totale della produzione a livello globale.

Circular Mobility è un grande aggregatore di iniziative in ambito di mobilità sostenibile e innovativa ispirato ai principi dell’economia circolare, con l’obiettivo principale di coinvolgere tutti gli attori della filiera automotive nell’ottica di un uso più responsabile e virtuoso delle risorse, che rappresenta ad oggi una delle più importanti novità nell’ambito della mobilità sostenibile sul mercato italiano.

In questo momento storico di transizione, l’Azienda vuole farsi promotrice di momenti di confronto con tutti i rappresentanti del settore, perché solo con la collaborazione di tutti si può costruire, in una visione d’insieme, la mobilità del futuro, più green e sostenibile.

Team SIFÀ

Team SIFÀ

Seguici su Linkedin

TOPICS

Potrebbe interessarti anche

Ghinolfi Tedeschi ant
icona video

SIFÀ a Top Secret: intervista all’AD Paolo Ghinolfi

Leggi tutto

Sifa Eni Milano ant3
icona galleria immagini

Milano diventa elettrica: Enjoy implementa la flotta con le XEV YOYO fornite da SIFÀ

Leggi tutto

auto rincari ant2

Acquistare un’automobile è alla portata di tutti?

Leggi tutto