facebook pixel
auto rincari test2
auto rincari test2

Acquistare un’automobile è alla portata di tutti?

L’auto sembra essere diventata “affare per ricchi”. Nell’ultimo anno, infatti, i costi per l’acquisto, la gestione e la manutenzione di un veicolo di proprietà sono aumentati visibilmente. Si sta acuendo dunque il divario già esistente tra chi può permettersi l’acquisto di un’auto e chi, invece, rischia di non potersi più spostare con una propria vettura privata.

Di seguito, approfondiremo le cause e le conseguenze di questo fenomeno.

Si vendono meno auto, ma i profitti sono gli stessi

Nonostante un incremento dell’uso dell’auto da parte degli italiani – che si attesta il Paese europeo con il più elevato tasso di motorizzazione (2 cittadini su 3 preferiscono la propria vettura all’uso dei trasporti pubblici e si stima che in ogni famiglia vi sia in media più di un’auto) – le vetture vendute in Italia sono poche, complici la crisi dei chip, l’aumento dei costi delle materie prime e gli attuali conflitti geopolitici. In parallelo, l’attuale difficoltà di produzione e vendita di veicoli nuovi ha determinato anche un aumento considerevole di utilizzo di auto usate.

A giugno 2022 si contavano infatti 127.209 nuove immatricolazioni, il 15% in meno rispetto a quelle avvenute nello stesso mese del 2021. Nel primo semestre dello stesso anno, sono state registrate ben 684.228 immatricolazioni, mentre nel 2021 da gennaio a giugno se ne contavano 885.090, ovvero il 22% in più.

Il motivo di questa contrazione risiede perlopiù nell’aumento dei prezzi delle auto dovuto alla crisi dei chip e al conseguente calo del numero di unità prodotte: i semiconduttori, dunque, sono stati destinati a veicoli da cui trarre maggiore profitto, sia per via degli incentivi esistenti, sia per le loro caratteristiche (come i SUV o le auto elettriche, ovvero le più costose dopo le vetture sportive e di lusso).

Eppure, i profitti delle Case produttrici sono aumentati. Le aziende, infatti, si sono concentrate sui margini e non sui volumi, producendo meno unità e vendendole a prezzi maggiori, con costi di creazione ridotti. Ciò ha un forte impatto sui consumatori:

  • il costo delle vetture nuove è aumentato. Nel 2021, i prezzi delle autovetture nuove sono aumentati mediamente del 2,6% rispetto al 2020, nel 2022 si sono raggiunte cifre incrementate del 14% rispetto all’anno della pandemia;
  • una produzione minore di auto comporta anche tempi di attesa superiori, che rischiano di generare disagi e portano molti acquirenti a optare per l’acquisto di un’auto usata (anche se il costo sull’usato è aumentato del 33% in soli tre anni);
  • se l’acquisto delle vetture nuove si blocca, il parco auto circolante diventa obsoleto e non vi è un rinnovo, un fenomeno questo che non aiuta la transizione a una mobilità più sostenibile;
  • la contrazione della produzione e vendita di nuovi veicoli porta inevitabilmente alla riduzione della forza lavoro, con il licenziamento di un numero crescente di addetti.

I costi di gestione delle vetture

Il costo delle auto nuove è aumentato, ma non si tratta dell’unica spesa che molti italiani oggi, con l’incremento del carovita, non riescono a sostenere. Nel 2021, si stima che siano stati spesi ben 61 miliardi di euro nella gestione delle vetture, con un incremento del 17% rispetto all'anno precedente.

Inoltre, a causa dell’invasione russa dell'Ucraina, il rincaro di benzina e diesel dall’inizio del 2022 è stato rispettivamente del 9,6% e del 14,3%. Rispetto al 2019, in aggiunta, si stima che l’assicurazione RCA sia aumentata del 7% (più del 2% di anno in anno in 36 mesi).

Spostando il focus sulla manutenzione della vettura, il rialzo dei prezzi è stato del 17% in più dal 2021 al 2022. In media, gli italiani spendono per la propria auto anche fino a 1250 euro all’anno, includendo i costi di bollo, carburante, assicurazione, manutenzione e revisione periodica. A questi vanno aggiunte anche le spese per eventuali emergenze, accessori e il costo dei pedaggi.

Come risparmiare e sostenere la transizione ecologica: il servizio di Noleggio a Lungo Termine

Questo divario della mobilità può rivelarsi rischioso per la transizione a una mobilità ecologica: la rinuncia a comprare auto nuove, moderne e a basso impatto, infatti, porta gli italiani a mantenere invariato il loro parco auto circolante, composto in parte rilevante da auto a diesel e benzina vetuste e inquinanti (nel 2020, il 30% dei veicoli circolanti aveva 15 anni o più).

Una soluzione alternativa ed efficiente all’acquisto delle auto è il Noleggio a Lungo Termine.  Con il servizio offerto da SIFÀ il risparmio, rispetto alla spesa mensile destinata a un’auto di proprietà, è tangibile: attraverso il pagamento di un unico canone mensile fisso – comprensivo dei costi di acquisizione e di gestione del veicolo – è possibile ottenere l’utilizzo del mezzo e accedere a una serie di servizi inclusi, come: immatricolazione e gestione della tassa automobilistica, manutenzione ordinaria e straordinaria, copertura assicurativa completa (RCA, incendio/furto, danni accidentali/kasko) e assistenza e soccorso stradale. In parallelo, è possibile richiedere, in fase contrattuale, RCA eventuali servizi aggiuntivi come: servizio pneumatici, auto sostitutiva, polizza assicurativa integrata (PAI) e carta carburante.

Per ricevere una consulenza e maggiori informazioni in merito al servizio di Noleggio a Lungo Termine offerto da SIFÀ, è possibile scrivere all’indirizzo infonoleggio@sifa.it.

Team SIFÀ

Team SIFÀ

Seguici su Linkedin

TOPICS

Potrebbe interessarti anche

premiazione sifa ant
icona galleria immagini

SIFÀ migliore società di autonoleggio agli MFA 2022

Leggi tutto

Ghinolfi Tedeschi ant
icona video

SIFÀ a Top Secret: intervista all’AD Paolo Ghinolfi

Leggi tutto

Sifa Eni Milano ant3
icona galleria immagini

Milano diventa elettrica: Enjoy implementa la flotta con le XEV YOYO fornite da SIFÀ

Leggi tutto